Skip navigation

Free Shipping Sitewide | Shop Now

Free Shipping Sitewide | Shop Now

Suggerimenti
  • No Suggestions

Cosa c’è nell’aria interna che respiri?

  • Autore: TruSens

L'aria interna può essere più sporca di quanto pensi

Sono molti gli inquinanti in grado di impattare negativamente sulla qualità dell’aria nella casa. Alcuni studi hanno indicato come la qualità dell'aria interna possa essere da 2 a 5 volte inferiore rispetto a quella esterna e molte persone trascorrono fino al 90% del tempo in ambienti chiusi.

Inoltre, la qualità dell'aria interna è soggetta a costanti variazioni.  Le mutevoli condizioni della casa, come l’apertura delle porte, il via vai delle persone, un nuovo tappeto, mobili nuovi o l’ingresso di allergeni stagionali, possono influenzare nel tempo i livelli di qualità dell’aria. 

L’aggiunta di un purificatore d’aria nella tua abitazione avrà effetti positivi sull’aria che respiri giorno dopo giorno. Se soffri di allergie o asma, l’impatto probabilmente sarà immediato.  Comunque, anche se non hai problemi di questo genere, un atteggiamento proattivo riguardo all’aria che respiri ti ripagherà in futuro. 

Sai cosa c’è nell'aria che respiri?

Gli inquinanti presenti negli ambienti chiusi vanno dalle particelle quali acari delle polvere, residui cutanei di origine animale, batteri e virus fino ai gas inquinanti, emessi da sostanze chimiche, mobili nuovi, vernici o tappeti. 

Batteri e virus:  

sia i batteri sia i virus sono tipi di germi comunemente presenti nell'aria interna. Uno starnuto o un colpo di tosse possono convogliare queste particelle attraverso l'aria, aumentando la probabilità di infettare chiunque ne giunga in contatto.

I purificatori d’aria TruSens sono dotati di sterilizzazione UV.  Si tratta di un sistema in grado di uccidere i batteri e i virus intrappolati nel filtro dell'aria, senza generare livelli nocivi di ozono, con possibili effetti negativi sulla salute.  

Gas e sostanze chimiche nocive:   

il truciolato, spesso utilizzato nei mobili, i tappeti, la vernice e i prodotti per la pulizia sono solo alcune delle sorgenti in grado di rilasciare sostanze chimiche tossiche, definite composti organici volatili (COV). Alcuni prodotti possono contenere anche ammoniaca e candeggina, che, secondo la American Lung Association, sarebbero altrettanto nocivi alla salute.

I purificatori TruSens includono il sistema di filtraggio DuPont™, composto da uno strato di carbonio. Il carbonio filtra COV e odori, creando un ambiente più piacevole per l’olfatto e più salutare. 

Allergeni: 

L’inalazione di particolato fine come polline, residui cutanei di origine animale, acari della polvere ed emissioni provenienti da sigarette e gas di scarico delle automobili, è stata messa in relazione con malattie cardiache, asma, bronchiti e altri problemi di salute. La combustione della legna nei camini durante i mesi invernali è un’altra delle sorgenti in grado di pregiudicare la qualità dell'aria interna.

I filtri HEPA DuPont™, inclusi in tutti i purificatori TruSens, sono progettati per intrappolare il particolato fine.  Sarà una sorpresa scoprire le particelle intrappolate nel filtro dopo aver usato un purificatore d’aria TruSens... e i tuoi polmoni ti ringrazieranno! 

TruSens contribuisce a risolvere il problema legato all’inquinamento dell’aria interna.
Con TruSens puoi monitorare le condizioni e ricevere una segnalazione in caso di anomalie.
 

Avere a disposizione gli strumenti per reagire alle informazioni, che possono influire sulla qualità della vita, è diventato sempre più importante. Le informazioni ti consentono di controllare la situazione. TruSens non si limita a garantire aria più pulita, ma ti informa sulla qualità dell’aria che respiri, fornendoti dati e prove concreti. Non si tratta di un semplice prodotto: con TruSens hai un maggiore controllo sul tuo benessere.  

I purificatori TruSens affrontano la pulizia dell’aria con un approccio scientifico. Il monitor per il controllo della qualità dell’aria SensorPod, incluso nei purificatori d'aria TruSens modello Z-2000 e Z-3000, è il risultato diretto di test di laboratorio. Secondo i test in questione, le misurazioni sulla qualità dell’aria in una stanza, effettuate lontano dal purificatore, forniscono una rappresentazione più accurata. È possibile posizionare SensorPod nello spazio in cui si desidera misurare la qualità dell'aria con maggiore precisione, rilevando gli inquinanti a una certa distanza dal purificatore. Per esempio, si può collocare SensorPod su un comodino o un tavolino di servizio in soggiorno. In questo modo il purificatore fornisce letture dettagliate sulla qualità dell’aria e si regola più efficacemente in base alle variazioni rilevate nella stanza.